Arredare la cameretta secondo le regole Montessori: i consigli

La cameretta è il luogo in cui il bambino si rifugia per riscoprire le proprie passioni e ritagliare del tempo per sé stesso.

Proprio per questo, è necessario seguire delle regole per garantire la giusta proporzione e il corretto equilibrio degli spazi: tutto su misura del bambino.

Maria Montessori, educatrice, pedagoga, scienziata e ricercatrice, pensava che i bambini dovessero ricevere un’educazione basata sulla libertà e sul movimento, da ricercare anche negli spazi che li circondano.

Ricreare una stanza seguendo le regole Montessori significa, quindi, rispettare i tempi di crescita del piccolo e incoraggiare la sua indipendenza, pur mantenendo alti gli standard di sicurezza.

Non è un caso che l’arredamento Montessori sia caratterizzato da linee semplici e dalla scelta di materiali naturali, come il legno.

Ecco i consigli per ricreare una cameretta in stile Montessori:

  • Il letto: per favorire l’autonomia del bambino, evitate di scegliere letti con le sbarre e optate per lettini bassi (a prova di caduta). Andare a dormire, in questo modo, diventerà un gesto naturale e il bimbo si sentirà maggiormente a suo agio in un lettino su misura.
  • L’armadio: anche in questo caso è importante aiutare il piccolo a sviluppare una propria indipendenza. Scegliere gli abiti da indossare, senza l’aiuto di un adulto, aumenterà la sua consapevolezza e la sua sicurezza, quindi, prediligete armadi bassi.
  • La libreria: la lettura è fondamentale per i bambini, in quanto li aiuterà ad aprire i propri orizzonti e incrementare la creatività e l’immaginazione. Il nostro consiglio è quello di dotare la stanza di una libreria o di mensole che permettano al bimbo di scegliere il libro che vuole sfogliare, anche basandosi sul colore delle copertine (nel caso in cui non sapesse ancora leggere).
  • Il tavolo e le sedie: il tavolo è la superficie di gioco preferita dai bambini. Tuttavia, è meglio sceglierlo seguendo dei precisi criteri di sicurezza, come i bordi arrotondati e altezze adeguate alla statura del bimbo. Lo stesso discorso vale per le sedie, che devono essere basse per favorire l’autonomia del piccolo, nel momento del gioco.
  • I giochi: devono essere sempre alla portata del bimbo, in modo tale da poterli prendere senza aver bisogno dell’aiuto degli adulti. Di conseguenza, sarebbe perfetto scegliere dei mobili bassi, capienti e solidi. Inoltre, è utile optare per una tipologia di giochi in grado di stimolare la sua fantasia, oggetti di uso quotidiano che simulano attività pratiche, come scope, lavelli, cucina.

No Comments

Leave a Reply